Per leggere il contenuto della pagina premi adesso premi adesso. Per conoscere la tua posizione all'interno del sito premi adesso. Per leggere i "Canali d'accesso" premi adesso. Per tornare alla "Home Page" premi adesso.
Canali d'accesso. Per tornare alla "Home Page" premi adesso. Per accedere alla Sezione "il Comune" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Come fare per" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Info Città" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Il Territorio" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Albo Pretorio" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Modulistica" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Amministrazione trasparente" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Bandi & Concorsi" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Eventi e manifestazioni" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Galleria fotografica" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Elenco Siti tematici" premi adesso. Per accedere alla Sezione "Newsletter" premi adesso. Menu Canali d'accesso terminato.
Per leggere le "News" premi adesso. Per consultare la "Dichiarazione d'accessibilità" premi adesso. Per consultare la "Mappa del sito" premi adesso. Per rileggere i "Canali d'accesso" premi adesso. Per rileggere gli altri contenuti della "Home Page" premi adesso. Per utilizzare la "versione solo testo" premi adesso.
Canali d'accesso
Home
Il Comune
Come fare per
Info Città
Il Territorio
Albo Pretorio
Modulistica
Amministrazione trasparente
Bandi & Concorsi
Eventi e manifestazioni
Elenco Siti tematici
Galleria fotografica
Newsletter
 
Sei in: Home » archivio news » risultato ricerca » scheda news
News

Comunicazioni

REGIONE LOMBARDIA: 700 EURO PER APPARECCHI DENTI RAGAZZI

(dal Notiziario del 23 dicembre 2009)

Due nuove iniziative di Regione Lombardia per favorire le famiglie a basso reddito e facilitare l'accesso ai servizi sanitari: a partire dal mese di gennaio, saranno messi a disposizione fondi per sostenere economicamente le famiglie con figli di età compresa tra 10 e 16 anni bisognosi di cure preventive di tipo ortodontico, contribuendo a coprire con 700 euro i costi degli apparecchi fissi e mobili; in più, verranno finanziati con 45 milioni di euro progetti delle Asl per incrementare l'offerta di prestazioni e ridurre ulteriormente i tempi d'attesa.

Lo ha annunciato oggi il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. "Mettiamo a disposizione delle famiglie - ha detto - un contributo di 700 euro che va a coprire dal 40% al 50% delle spese per gli apparecchi dentali dei ragazzi. Queste prestazioni non fanno parte dei Livelli Essenziali di Assistenza e sono interamente a carico di Regione Lombardia, che è la prima in assoluto a garantire contributi per queste cure".

"Siamo in grado di stanziare nuovi fondi - ha proseguito Formigoni - grazie alla buona e corretta amministrazione del nostro bilancio. Non solo i nostri conti sono in pareggio per il settimo anno di fila ma miglioriamo costantemente il rendimento delle nostre strutture, stanziando risorse aggiuntive e garantendo ai cittadini servizi in più".

Per il miglioramento ulteriore dei tempi d'attesa, "che sono comunque i migliori in Italia", Formigoni ha annunciato uno stanziamento di 45 milioni di euro per finanziare "progetti innovativi delle Asl, che riceveranno i fondi solo al raggiungimento degli obiettivi prefissati". Ad esempio nell'Asl di Varese, oggi l'attesa per una Tac è di 40 giorni e per una risonanza magnetica di 50: se ad esempio verrà raggiunto il limite dei 20 giorni, l'Asl riceverà i fondi regionali.


APPARECCHI ORTODONTICI - Per accedere a questi contributi gli adolescenti beneficiari dovranno:  
- essere assistiti del Servizio Sanitario Regionale lombardo ed essere residenti da almeno 3 anni in Lombardia;
- avere un indice di necessità di trattamento ortodontico (IONT) di grado 4 o 5 (difetto di allineamento tra i denti superiori e quelli inferiori con masticazione scorretta e conseguenti implicazioni negative sulla articolazione della mandibola e più complessivamente sulla postura);
- far parte di una famiglia in classe ISEE < 18.000 (ad esempio, famiglie di 4 persone con reddito lordo di 50.000 euro e casa di proprietà);
- usufruire del servizio presso una delle 263 strutture pubbliche e private che in regione sono accreditate ed a contratto per la branca specialistica in odontoiatria;
- produrre secondo le modalità di legge la giustificazione dei costi sostenuti.

Secondo una stima, si tratterà di circa 60.000 ragazzi che potrebbero beneficiare dei fondi. Per un trattamento di tipo completo di 3 anni, di cui 2 con apparecchio fisso e 1 con apparecchio mobile, il contributo della Regione è di 700 euro (su un costo che mediamente si aggira tra i 1400-1800 euro).

La decisione di Regione Lombardia di garantire questi contributi allarga il numero delle prestazioni odontoiatriche erogate a carico del Servizio Sanitario Regionale. Attualmente infatti, in attuazione della normativa nazionale sui LEA, la Regione (dal 2006) ha stabilito che l'accesso alle cure odontoiatriche a carico del SSR possa aver luogo per queste categorie:

- minori di età inferiore ai 15 anni: tutte le prestazioni comprese nel nomenclatore tariffario a esclusione del materiale protesico e degli apparecchi ortodontici il cui costo è a carico delle famiglie;
- alcune categorie di cittadini esenti per patologie quali, ad esempio, scompenso cardiaco grave, insufficienza renale cronica, disturbi della coagulazione del sangue e patologia oncologica;
- persone che fanno parte di categorie disagiate dal punto di vista socio economico come i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei centri per l'impiego, gli invalidi civili al 100%, i lavoratori in mobilità o in cassa d'integrazione straordinaria ed i trapiantati con reddito non superiore a 46.000 euro.
 

TEMPI DI ATTESA - Le Asl, sulla base delle rilevazioni periodiche dei tempi di attesa, devono in modo mirato individuare le strutture presso le quali si riscontrano dei problemi di accessibilità degli utenti e individuare delle soluzioni organizzative ad hoc, struttura per struttura, per migliorare il servizio. Per raggiungere questo risultato saranno aggiunte risorse in modo mirato per incrementare l'offerta delle prestazioni. Queste risorse saranno poi assegnate solo dopo aver verificato il raggiungimento dell'obiettivo da parte della struttura.

Attualmente, per le prime visite il tempo massimo di attesa deve essere di 30 giorni e per gli esami di 60 giorni dalla prescrizione. Nei primi sei mesi del 2009 questi tempi sono stati rispettati in oltre il 95% dei casi. In più, i medici di famiglia e i pediatri, qualora ritengano ci sia un caso di urgenza, possono richiedere che la prestazione sia garantita entro 72 ore dalla prenotazione, con l'applicazione del "bollino verde". Vi sono inoltre classi di persone come i pazienti a rischio oncologico e cerebro - cardiovascolare per le quali sono previsti tempi molto brevi di attesa per visite e prestazioni che vanno dai 10 ai 20 giorni.

A questo si aggiunge la decisione presa con una delibera di giugno secondo cui le  strutture che non rispettano i tempi d'attesa sulle patologie a rischio devono sospendere l'attività in libera professione, cioè a pagamento, finché non rientrano nei tempi stabiliti. Questo riguarda le prestazioni cosiddette "extra budget" (senza alcuna  limitazione di rimborso), la maggior parte delle quali sono per i pazienti oncologici. Sempre con la delibera di giugno è stato stabilito che per tutte le altre prestazioni, la differenza tra le liste d'attesa in regime di Servizio Sanitario Nazionale e le liste d'attesa in regime di solvenza/libera professione non può essere superiore a 30 giorni.

Per rileggere il contenuto della pagina premi adesso. Per leggere i "Canali d'accesso" premi adesso. Per conoscere la tua posizione all'interno del sito premi adesso. Per tornare alla "Home Page" premi adesso.